Get Adobe Flash player

CIVITAVECCHIA UN APPUNTAMENTO PER IL FUTURO

L'antica CENTOCELLE, poi fuggita sui monti,e, dopo il ritorno nei luoghi ove sorgeva, divenuta CIVITAVECCHIA deve ricordare il suo passato con orgoglio. La sua antica storia deve indicare la via per la sua rinascita. Il futuro affonda sempre le sue radici nel passato.
Nell'agone politico di questi giorni abbiamo assistito alle parole dei molti candidati, ma quasi nessuno ha fatto riferimento al passato, peccato! Ci avrebbe insegnato molte cose.
Eppure i suoi resti sono davanti agli occhi di tutti. Il grande porto voluto dall'imperatore Traiano. Il maestoso castello del Sangallo. Solo una grande ed importante citta' sarebbe potuta essere scelta per quei monumenti.
La sua vocazione portuale è antica ed il nuovo flusso turistico lo dimostra, ma anche il suo entroterra la rende unica. Solo una politica che riesca ad unificare queste due realta' sara' premiante.
Si parla di 2,500,000 di turisti ogni anno, ed il numero è destinato ad aumentare.
Un numero pari ad una citta' grande come Roma, passa sulle sue banchine, ma non si ferma. Questa è la colpa dei suoi precedenti amministratori.
Civitavecchia deve valorizzare, ill suo interno ed il suo territorio, tutte quelle unicita' che la trasformino da citta' di transito in citta' di sosta. Da Santamarinella a Tarquinia si ammira una delle coste piu' belle d'Italia. Sulle sue colline si trovano le antiche Terme della Ficoncella, che con quelle di Viterbo costituirebbero il piu' esteso "sistema termale" d'Italia. Spostandoci ulteriormante sull'interno arriviamo nell'antica citta' dei Papi, Viterbo, passando per Tuscania, un vero gioiello di architettura medioevale Poco oltre ci si bagna nel lago di Bolsena, mentre a sud ammiriamo il lago di Vico con il suo manto verde ed azzurro.
Non possiamo dimenticare le antiche tombe di Tarquinia e le citta' di Vulci e Norchia, e tanto altro ancora.
Ecco un "sistema" turistico che non ha eguali! una ricchezza inestimabile di luoghi e di storia che tutti ci invidiano. Eppure nella campagna elettorale nessuno ne parla, antichi campanilismi ed interessi di bottega prevalgono.
CIVITAVECCHIA deve ricordare il passato per capire il futuro, deve trovare tra i suoi FIGLI, coloro che la amano e la capiscono.
Un collegamento veloce tra Civitavecchia ed il suo territorio è essenziale per "agganciare" tutte le ricchezze in esso contenute come le perle di una collana. (una metropolitana di superfice lo renderebbe possibile).
Un collegamento che raggiunga Orte in tempi brevi, costituirebbe un valore aggiunto al turismo: le attivita' commerciali tra le due realta' Portuali ed Interportuali. Civitavecchia non puo' e non deve perdere il suo appuntamento con il futuro. Questo passa per le antiche vie percorse da merci e persone nei secoli: la valle di Viterbo sino alla Sabina. Romano di antica nascita, ho scoperto questo angolo "nascosto" d'Italia ed ho imparato ad amarlo, ora mi auguro che i suoi abitanti facciano atrettanto.

Architetto Mario Bracci-Devoti.
Membro della Commissione Permanente della Presidenza del Consiglio sulla Mobilita' (Giubileo di Roma per il 2000).